Intervista a Romo, il primo Free Beatbox Sample Pack in Italia

tempo di lettura: 8 minuti

Romo l’ho conosciuto per caso. Aveva fatto avere in redazione il materiale del suo nuovo progetto: un Beatbox Sample Pack totalmente gratuito e con libera licenza per essere usato a propria volta da altri beatmaker o produttori. Un’idea geniale, soprattutto per la filosofia che c’era dietro e con la quale era stato creato. Dovevo saperne di più su di lui e mi sono resa conto, durante l’intervista, che di fronte a me non avevo solo un produttore e beatboxer, ma un vero e proprio professionista della comunicazione e della musica. Questo che vi propongo è solo un estratto di quello che troverete nel prossimo numero di MoodMagazine! Enjoy!!!

Perché il nome Romo?
Il nome Romo nasce dalle iniziali del mio nome e cognome (Roberto Masala) R.M. con i due punti delle iniziali che diventano delle “O”. Lo uso dal 1994.

Quindi: sei sia un produttore, un Dj e anche un Beatboxer! Dal punto di vista tecnico qual è il vantaggio di avere tutte queste skills?
Si, ho iniziato a fare musica intorno al ’96-’97 producendo house e techno, poi alcuni anni dopo mi sono avvicinato anche al beatmaking, Djing e beatbox. Avere molteplici skills a mio avviso porta molti vantaggi. Nel mio caso come DJ quello di sapere leggere la folla durante il set e capire cosa piace e cosa no, oltre a cercare di tenere la gente nel dancefloor il più possibile e farla divertire. Spesso tra l’altro mi piace unire Djing e beatbox durante le serate e spiazzare il pubblico, che non si aspetta degli human beats live mixati ai brani. Inoltre non disdegno affatto quando possibile scendere in pista tra un pezzo e l’altro e ballare col pubblico, anche se questo ahimè succedeva prima della pandemia e ancora non si sa bene quando e se torneremo alla normalità, ad un prima che sicuramente non sarà più lo stesso. Il Beatbox tra l’altro stimola molto la mia immaginazione e mi spinge sempre nel creare dei suoni nuovi e originali. Grazie ad esso ho sviluppato inoltre un gran senso del ritmo che mi aiuta anche nei DJ set, oltre ad aver imparato negli anni come controllare la respirazione, specialmente quando faccio delle lunghe session di beatbox e spesso devo prendere fiato ma non posso fermarmi (ad. Es. quando accompagno gli MC nel freestyle o quando suono con dei musicisti). Il lavoro in studio da producer invece mi ha portato negli anni ad acquisire molteplici skills come saper arrangiare un brano musicale, modellandolo sino a creare un prodotto finito pronto per essere messo nelle piattaforme di streaming o su CD o vinile, creare suoni nuovi da zero con sintetizzatori e microfoni, registrare la mia voce e molto altro.

Quali sono le collaborazioni che stai portando avanti in questo momento?
Da poco ho fatto uscire un sample pack di beatbox. Ho creato tutto io, i suoni, la grafica, i video per i social, il sito e ora sto lavorando al marketing e alla promozione. Da poco tra l’altro è uscita “Fresh”, una mia collaborazione con il DJ/ Producer Sardo Ekl. Sto inoltre lavorando a dei nuovi brani musicali dance – R&B sia strumentali che cantati e conto di farli uscire nei prossimi mesi.

E il tuo “Sample Pack” … ?
Ho lavorato a questo sample pack – tra l’altro il primo di questo genere in Italia – per circa due anni. Ho registrato i suoni e loop per diversi mesi con vari microfoni, selezionando poi con cura quelli che ritenevo più interessanti e originali. Tutto quello che sentite all’interno del sample pack è stato prodotto solo con la mia voce, in alcuni casi manipolata con vari effetti. I loop contenuti nella libreria vanno da 92 a 175 BPM. Vanno bene quindi sia per produttori hip-hop, che drum and bass, techno, etc. Dentro ci sono 600 MB di suoni e oltre 580 loops, one-shots e tracce MIDI, che i producer possono usare gratuitamente nelle proprie produzioni 100% Royalty free. I produttori possono utilizzare sia i suoni singoli che creare dei veri e propri brani col solo utilizzo del sample pack, a patto che mi citino nei credits del brano. Sinora il feedback che sto ricevendo è molto positivo. A un mese e mezzo dall’uscita infatti è stato scaricato da più di 2000 producers. Invito quindi tutti i producer e beatmaker a scaricarlo, inviarmi i propri brani e taggarmi su Instagram (@romogroove).

Qual è lo scopo?
Il free download a mio parere è un ottimo strumento per far conoscere a un gran numero di persone chi sei e cosa fai. Voglio prima di tutto far girare il mio nome tra i producer, i musicisti e iniziare nuove collaborazioni partendo proprio dal sample pack! Certo, avrei potuto metterlo a pagamento e guadagnarci qualcosa, ma sinceramente non mi importa. Preferisco diffonderlo gratuitamente in rete. Sono molto curioso di sentire cosa tirano fuori i producer con tutti questi suoni!

Hai mai fatto veri e propri dischi da solista? O hai intenzione di farne uno? Parlo di dischi canonici.
Ancora non ho prodotto un album intero. Alcuni anni fa avevo fatto uscire un EP di hip-hop sperimentale, un EP di remix (tra cui un remix de “Il senso dell’Odio” di Salmo con cui vinsi un concorso come miglior remix), mentre di recente ho pubblicato un nuovo singolo prodotto assieme a Katy J, una cantante americana di Nashville. Il brano si chiama “Your Life” e lo trovate su tutte le piattaforme di streaming e su YouTube.

Che dire, grazie per il tuo tempo e prima di andare vorrei solo chiederti: come sei finito in Grecia?? Che sei andato a fare li?
Grazie a te per l’intervista. È stato un vero piacere! Potete ascoltare la mia musica, le mie playlist e i miei mixtapes andando nel mio sito www.romogroove.com! La Grecia è un posto meraviglioso. Adoro la gente, il cibo e il clima, e ho pensato che sarebbe stato il posto ideale dove mettere musica e suonare dal vivo!

Previous Story

Jangy Leeon: “volevo spingere ancora Full Moon Confusion con musica nuova attraverso la Desert Edition”

Next Story

Intervista a 22:22 dopo X-Factor: “non parlo ma comunico attraverso suoni fonetici”