David Toop – Rap Storia di una musica nera

tempo di lettura: 3 minuti

David Toop, classe 1949, è un musicista, scrittore e giornalista britannico. Oltre ad aver collaborato per la riviste The Face e The Wire, Toop è noto soprattutto per essere stato membro dei Flying Lizards, gruppo musicale di rock sperimentale, che magari qualcuno di voi ricorderà per una cover del brano Money di Barrett Strong, e relativo iconico video. Pura avanguardia inglese.
Ma in questa sede Toop è ricordato per aver scritto nel 1984 Rap Attack: African Jive to New York Hip Hop (1984), seguito poi nel 1992 da Rap Attack 2: African Rap To Global Hip Hop, versione riveduta e corretta (edulcorata di alcuni marchiani errori) del primo libro, che arrivò anche in Italia con in copertina i Naughty By Nature ed il titolo molto più prosaico di Rap, storia di una musica nera, edito per la collana “Confini” della casa editrice torinese E.D.T. Come racconta lo stesso autore nell’introduzione, questo libro incomincia nel febbraio del 1984 spiando le jam hip hop nelle scuole e nei cortili del South Bronx, e poi risalendo ad alcune delle radici del rap affondate nella cultura americana e nelle tradizioni dell’Africa Occidentale.
Strutturato in agili capitoli, e con un utile glossarietto alla fine più una lista compilata di 100 singoli della storia del rap americano, Rap, storia di una musica nera si lascia leggere molto facilmente, per la chiarezza di esposizione e per la fedeltà cronologica dei fatti raccontati, dando molto spazio (fin troppo) alla descrizione dettagliata di quello che è successo prima del rap, dalle canzoni di elogio dei griot africani ai dozen afroamericani, passando per il toasting ed il dub giamaicano. Naturalmente la storia è infinitamente più complessa, per dinamiche e pratiche, ecco perché per quanto meritevoli gli sforzi di David Toop arrivano solo in parte, ed il risultato non è totalmente soddisfacente. Tuttavia può rivelarsi un buon approccio per affrontare l’argomento con dei buoni spunti di partenza, per poi inevitabilmente sviluppare altre metodiche di ricerca sulle origini. Ancora disponibile su Amazon ed in altre librerie online.

La frase: quando ho iniziato a scrivere questo libro potevo contattare la maggior parte degli artisti telefonando alle loro madri. Ora è necessario discutere con una muraglia umana di pr e manager

Previous Story

Conservare la freschezza dei primi giorni, senza scendere a compromessi: l’intervista agli Alien Army

Next Story

BigMama: adoro essere too much