Dj Fede – Still From The 90’s

tempo di lettura: 3 minuti

“Still From The 90’s” è il nuovo disco di Dj Fede, seguito ideale di quel “Product Of The 90’s” che aveva riscosso un buon successo un paio di anni fa, riportando il veterano torinese al centro delle scene con un progetto dall’evidenza paradigmatica. Se dovessi usare un aggettivo per definire il suo lavoro utilizzerei senza dubbio la parola “concreto”, nelle varie accezioni del termine. Dj Fede infatti è in giro da un pacco di anni, ha fatto un pacco di cose, e sono tutte lì, solide, a testimoniare il suo percorso.

Il disco in questione è il classico disco con un produttore che fornisce i beats, e un sacco di rapper che ci rappano sopra. A parte rari casi, prodotti del genere risentono un po’ della eterogeneità dei contributi vocali, e questo non fa eccezione. Ci sono episodi riusciti ed altri meno, com’è naturale che sia. Detto ciò, praticamente tutte le produzioni di Dj Fede sono di ottimo livello, e come avrete facilmente intuito siamo dalle parti di un Boom-bap innestato di samples Jazz, Funk, Soul, con delle belle batterie che cartellano per bene.

Spiega tutto la title-track: beattone pauroso con campionamento jazzato filtrato basso, il Danno al microfono che dice quello che deve dire, e scratch finali di Dj Tsura. Più, come fiore all’occhiello, videoclip calligrafato da Luca Barcellona.

Tra le altre tracce, mi permetto di segnalare “Fa La Cosa Giusta”, con due leggende quali Dafa e Maury B, entrambi in formissima; “Milano Violenta”. assieme a Blo/B e Jack The Smoker, quest’ultimo con un paio di strofe da stropicciarsi davvero le orecchie; e “Tormento Sunglasses”, di Gionni Gioielli, in una sorta di fantastico tributo ai Sottotono dei tempi d’oro.

Oltre all’album vero e proprio, sono presenti ben 7 tracce come bonus, immagino perché un po’ slegate dal filo conduttore che lega questo “Still From The 90’s”. Ci sono anche ospitate di nomi grossi della scena underground USA quali Blaq Poet, Big Noyd, Psycho Les, Shabaam Sahdeeq. Roba succosa, insomma.

Impossibile citare tutti i presenti perché altrimenti si rischia l’effetto elenco del telefono. Se vi piace il Rap in stile anni Novanta comunque troverete pane per i vostri denti, come sempre, quando si tratta di Dj Fede. Prodotti come questi trasudano professionalità, coerenza e visione.

 

 

Previous Story

Nasce European Riders, la prima compilation Europea West Coast

Next Story

Mirko Reisser – [Daim] 1989-2014