B-boy Shigekix e B-Girl Kastet trionfano alla Red Bull BC One World Final

tempo di lettura: 9 minuti

B-Boy Shigekix dal Giappone e B-Girl Kastet dalla Russia hanno trionfato nella 17a edizione di Red Bull BC One, la più grande competizione di breaking one – on – one al mondo, conquistandosi il titolo di Campioni Mondiali di breaking. Sedici breaker provenienti da 11 nazioni si sono dati battaglia sabato 28 novembre all’Hangar-7 di Salisburgo, celebrando un fenomeno che affonda le proprie radici nella cultura di strada hip-hop sviluppatasi a New York nei primi anni ’70, e che nel giro di qualche decennio è diventato un fenomeno sportivo e culturale di portata globale. La campionessa del mondo in carica Kastet, dalla Russia, ha conquistato nuovamente la sua corona nel 2020, ed è la prima concorrente nella storia del Red Bull BC One a detenere per due volte consecutive il titolo di campionessa del mondo di breaking. B-Boy Shigekix ha partecipato alla Finale del Mondo nel 2017, ma questa è la prima volta che il B-Boy giapponese vince la competizione, diventando anche il concorrentepiù giovane ad aver vinto il titolo. B-Boy Shigekix ha affrontato B-Boy Alkolil, il B-Boy russo noto per la sua combinazione di power moves, footwork e mosse originali. B-Girl Kastet ha è stata protagonista di un testa a testa con la belga B-Girl Madmax, la vincitrice in carica dell’edizione digitale, il Red Bull BC One E-battle 2020. Ma alla fine Shigekix ha lasciato il segno grazie alla sua musicalità e varietà, mentre Kastet ha battuto Madmax in termini di esecuzione.
B-Boy Shigekix ha affermato: “Sono super felice e ancora non riesco a credere che sia tutto vero. Ho lavorato così duramente per questa competizione. Non solo quest’anno, sono anni che lavoro duramente per conquistarmi questo titolo.
B-Girl Kastet ha aggiunto: “Il mio segreto è che non ho paura di perdere. Vivo il momento e voglio rappresentare me stessa nel modo migliore, rimanendo fedele a me stessa. Questo è il mio segreto.

B-Boy Shigekix (Giappone) 
B-Boy Shigekix (Nakarai Shigeyuki) è un membro della K.A.K.B. crew e ha scoperto questo sport all’età di 7 anni grazie a sua sorella maggiore, B-Girl Ayane. Con uno stile unico, è noto per le power moves veloci e controllate e per i suoi sorprendenti freeze. Un momento decisivo nella giovane carriera di Shigekix fu la vittoria della Under 12 Baby Battle nel 2014 al Chelles Battle Pro in Francia. Da allora, Shigekix ha continuato vincendo la 1on1 Nothing2looz World Final Kids nel 2016, la Hustle and Freeze sempre nel 2016 e l’edizione del 2016 della Marseille Battle Pro 1on1 Kids. All’età di 15 anni, Shigekix è diventato il più giovane b-boy nella storia ad entrare nella Red Bull BC One World Final 2017, dove è stato eliminato in semifinale da Menno. È stato anche uno dei primi breaker a vincere una medaglia olimpica quando portò a casa il bronzo ai Giochi olimpici giovanili di Buenos Aires nel 2018.

B-Girl Kastet (Russia)
Da Krasnodar, Russia, B-Girl Kastet, il cui nome significa “brass knuckles” in inglese, ovvero “nocche di ferro” è un membro della crew 3:16 e ha iniziato a ballare nel 2010 all’età di 12 anni. Passando dai balli latini al judo, Kastet ha imparato la danza dalla sua crew, in particolare da B-Boy Marvel e da suo marito, B-Boy Jerry Metal. Ispirata da breaker di grande calibro come Kmel, Machine, Remind e Rockadile, quando Kastet balla cerca di utilizzare tutto il suo corpo e anche la sua anima, facendola risplendere nelle mosse di danza. Kastet non è solo la campionessa mondiale dell’edizione 2019 e 2020 di Red Bull BC One, ma è anche due volte campionessa nazionale di Red Bull Russia National Cypher. Altri riconoscimenti includono il titolo conquistato nel 2018 nel corso della competizione Russa B-Girl BOTY Qualifier e la Combonathion 9 Solo B-Girl Competition.

Il Red Bull BC One è molto più di una competizione di breaking, è passione, concentrazione, energia, libertà di movimento ed espressione. Le battle one-on-one, che scandiscono il ritmo della competizione, racchiudono in pochi secondi tutta l’adrenalina, la creatività e le capacità tecniche del breaking, disciplina nata a New York, nel Bronx, nei primi anni Settanta, in risposta ai ritmi funky e agli scratch coinvolgenti dei DJ di strada. Il breaking, infatti, è una delle espressioni chiave della cultura hip – hop, che si compone di altri tre sottogeneri, Djing, MCing e Graffiti, tutti accomunati da una stessa origine: la strada, spazio della vita di tutti i giorni che diventa teatro di talento in movimento. Dalle origini delle feste di strada americane, in cui i primi b-boy e b-girl si sfidavano con mosse audaci al ritmo di musica, il breaking è entrato a far parte dell’immaginario collettivo, grazie alla cultura hip-hop e all’influenza del mondo del cinema, ed è esploso anche in Europa, Africa, Australia, e Asia, diventando uno dei fenomeni culturali più influenti del ventesimo secolo. Il Red Bull BC One, la più grande e prestigiosa competizione di breaking one-on-one a livello internazionale, da anni supporta la cultura del breaking, mettendo le ali al talento di aspiranti b-boy e b-girl di tutto il mondo.
La prima edizione del Red Bull BC One, a Biel, in Svizzera nel 2004, ha cambiato le regole del gioco delle competizioni di breaking, offrendo uno spettacolo unico nel suo genere e ospitando per la prima volta i b-boy individualmente, e non in breaking crew. Da allora il BC One è diventato il punto di riferimento e strumento di inclusione per una generazione di giovani b-boy e b-girl che hanno voglia di dare voce alla propria passione sui palchi di tutto il mondo. Negli anni, grazie al Red Bull BC One, la popolarità di questa disciplina è cresciuta notevolmente, coinvolgendo un pubblico sempre più vasto e diversificato, fino a raggiungere ben 17 milioni di spettatori in occasione della Red Bull BC One World Final 2019 di Mumbai. Ogni anno migliaia di b – boy e b – girl da tutto il mondo si sfidano a colpi di power moves, freeze e foundation in una competizione ricca di emozioni e adrenalina per contendersi la possibilità di essere selezionati per la finale mondiale, il palcoscenico più ambito di ogni breaker.  Con 17 finali mondiali ospitate nelle principali città del mondo dal 2004, il Red Bull BC One può vantare oltre 50 eventi e programmi di qualificazione (Cypher e Camp) in più di 30 nazioni. Dal Red Bull BC One è nata anche la crew di breaker più competitivi al mondo, i Red Bull BC One All Stars. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Previous Story

Flesha & Jap – City Sightseeing Verona

Next Story

Zanzi, il suo nuovo album “Scatole Cinesi”