Fure Boccamara, “Pelle di cuoio”… reloaded

clicca sulla cover per scaricare l'album

clicca sulla cover per scaricare l'album

A circa tre anni di distanza dall’uscita di “Pelle Di Cuoio”, disco d’esordio di Fure Boccamara”, l’artista ci ripropone una “ristampa virtuale” contenente del nuovo materiale audio.
Approfondiamo, insieme all’artista, i motivi di questa scelta.

“Pelle Di Cuoio” è un lavoro a cui sono molto legato. E’ stato il mio primo disco ufficiale come artista underground, nonostante sia presente nella scena da diversi anni, quindi rappresenta un tassello fondamentale nella mia “carriera” artistica ma anche nella mia vita personale. E’ stato realizzato in un momento molto intenso della mia esistenza; per me è un disco molto “Hip Hop” e molto “Blues” in quanto ha segnato il passaggio da una fase molto difficile ad una di rinascita, come una sorta di reset.

E’ un disco vero al 100%. Dentro ci sono le notti passate a scrivere rime in auto, i pasti saltati per comprare il biglietto del treno per andare a registrare, le dormite per terra nella settimana di mixaggio e le strette di mano sincere con gli amici e i colleghi che hanno collaborato.  E’ un disco autoprodotto, quindi ha i pregi e i difetti di un’autoproduzione. Riguardandolo oggi, ci sono un sacco di cose che farei diversamente dal mixaggio alla scelta di certe atmosfere ma soprattutto, inserirei le collaborazioni che non sono riuscito ad includere per mancanza di budget. Fare questo cd mi ha insegnato ad avere più pazienza, a capire che non si può essere professionisti e perfezionisti subito, che ci vuole tecnica, studio, esperienza, mezzi e un team di lavoro per creare un prodotto di alta qualità. La cosa figa è che rappresenta a pieno quel periodo, nel bene e nel male.
Vengo da un buco di culo di città e da una famiglia con cui non ho mai avuto rapporti particolari; per me la musica e l’arte in generale hanno sempre avuto un valore molto importante, un significato di espressione e rivalsa, un’opportunità di emergere e sentirsi davvero qualcuno anche quando non conti un cazzo per chi ti sta intorno, perciò ho messo anima e corpo in questo lavoro.Devo dire che all’uscita sono rimasto molto sorpreso dai feedback ricevuti. Molte riviste e siti di settore ne hanno parlato molto bene e mi hanno recensito egregiamente, molti apprezzamenti e richieste dal pubblico Hip Hop ma anche da persone comuni o musicisti di altri generi, che è una cosa che mi fa davvero molto piacere perchè mi fa capire che il mio messaggio è arrivato chiaro e diretto. Pelle Di Cuoio è stato trattato con attenzione ed è stato messo sullo stesso livello di altre produzioni “big” di artisti affermati, distribuiti e pubblicizzati diversamente da me che ho fatto praticamente tutto a “due mani”.
In questi anni di “silenzio” in realtà sono sempre rimasto attivo, chi mi ha seguito lo sa, e in occasione dell’uscita dei miei nuovi progetti che sto ultimando ho scelto di riproporre una versione di Pelle Di Cuoio “Reloaded” contenente una traccia bonus. Quando ti autoproduci, i mezzi per pubblicizzarti sono spesso molto “fai da te” e quindi la risonanza che puoi avere è più lenta e limitata. PDC è uscito al termine del 2008 e ad oggi, c’è ancora moltissima gente che mi scrive dicendomi che mi ha scoperto da poco e mi chiede come può fare ad avere il mio disco. Per questo motivo ho deciso di regalare il cd, di renderlo fruibile a chiunque si stia interessando alla mia nuova musica, svelando le radici di ciò che è attuale. C’è anche un traccia bonus, il remix di “Una Via D’Uscita” prodotto da Mare Marco, un producer molto talentuoso con cui ho collaborato. Vuole essere un omaggio anche a chi mi ha seguito negli anni, a chi a comprato il disco o se l’è masterizzato, a chi mi lascia apprezzamenti su facebook o mi chiede quando pubblicherò musica nuova.
Infine, in collaborazione con Moodmagazine, ho voluto creare questo “concorso simbolico”. Un estratto a sorte fra i primi quaranta che commenteranno l’articolo sulla pagina ufficiale di moodmagazine, riceverà una mia t-shirt e un gadget. Sono dell’idea che un’artista non è nulla senza pubblico. Quando vieni dal basso, sentire il supporto delle persone, oltre a riempirti il cuore, ti da l’energia per continuare ad avere voglia di fare arte anche per la gente oltre che per te stesso.
Tutte le news le potete trovare su www.boccamara.com, il mio sito ufficiale da poco on line.
Peace.

 

46 Commenti