“Ghetto Stradivari” di Nico Royale

tempo di lettura: 3 minuti

A due anni di distanza da Illegale, esce oggi per l’etichetta torinese Trumen Records e distribuito da A1 Entertainment Ghetto Stradivari, il terzo disco solista di Nico Royale.
L’album, disponibile in copia fisica e in tutti gli store online, racchiude in chiave reggae un messaggio di appartenenza e di rivalsa. Il “ghetto” rappresenta qui l’origine dell’artista (Sasso Marconi di Bologna, ai piedi dell’Appennino), i luoghi in cui si é formato e il modo di vedere la cultura all’interno di un ambiente poco incline all’arte e alle sue sfumature. “Stradivari” (riferendosi al famoso liutaio di Cremona Antonio Stradivari) simboleggia invece lo studio, la dedizione e la ricercatezza. Ed é così che la strada si unisce alla nobile arte della musica. Senza imposizioni, preconcetti e confini. Ghetto Stradivari diventa quindi lo stimolo a portare avanti i propri progetti imponendosi di fronte a un sistema che vorrebbe l’essere umano etichettato e standardizzato a canoni predefiniti. La copertina (con un esplicito omaggio a “London Calling” dei Clash e al debut album di Elvis Presley) riconferma l’emancipazione della Musica nei confronti dei canoni, evidenziando la rottura dagli schemi e la libertà di espressione.
Il disco, nonostante il concept trainante, risulta però molto vario. Il tappeto sonoro, che accompagna lo stile personale e tagliente dell’artista, é una rivisitazione in chiave moderna del roots reggae originale, lo stesso proposto fin dalla sua nascita da Studio One Label. Le armonie eleganti e potenti si intersecano a momenti più incalzanti e a vibrazioni club. I temi viaggiano dal sociale fino ad arrivare all’amore, a storie di persone e a momenti riflessivi.
Preceduto da due singoli (“Sing with my Heart” e “Supermarket Love”), l’album esce presentando il terzo estratto :”Vorrei”. Il brano, prodotto da Mattia Mene Menegazzi col basso dello stesso Royale, prende ispirazione da “Always Toghether”, un pezzo del ’69 firmato Bob Andy e Marcia Griffiths prodotto proprio da Studio One Label. La versione di Nico Royale fonde però la tradizione Giamaicana a quella vintage Italiana degli anni ’70, creando un prodotto fresco e orecchiabile. Il video valorizza la sensazione surreale del brano, viaggiando fra le strade di Bologna e gli edifici abbandonati de “Le terme del Corallo” di Livorno.

Previous Story

Flake, “Il bello di essere unici”

Next Story

“Geneticamente Microfonato” il nuovo cd solista di Raina (Villa Ada Posse)