ArgentoVivo, il suo nuovo progetto “Phonetik Kabalah”

tempo di lettura: 2 minuti

ArgentoVivo, co-fondatore di JTAG Productions e creatore/co-produttore/ dell’originale progetto Mani Pulite, torna sulla scena con Phonetik Kabalah, progetto Rap sul mondo post moderno che si rifà ad antiche allegorie prese in prestito dal grandissimo ritrattista del Rinascimento Lorenzo Lotto. Con immagini concrete il rapper vuole esprimere qualcosa di astratto, con liriche che vanno lette tra le righe, che sottintendono “altro” rispetto a un determinato contesto.
Da qui il legame con Lorenzo Lotto, artista incapace di cedere a compromessi, che nascose simboli esoterici e alchemici in alcune sue opere invitando a una lettura “altra”. L’ascolto del disco richiede così di superare l’illusorietà del mondo materiale, un pò come un velo di Iside che va squarciato per poter accedere a un messaggio intriso di esoterismo e misticismo.
Le tracce sono quindi composte da vari piani di lettura e temi specifici, dove trovano spazio mondi opposti e concordi. Si va da Il Male (pandora’s box) a L’amore (I mean love), dal Il sogno (Illucination) a Lo “struggle”(V.I.V.O) fino ad altri temi che nell’insieme creano un compendio, uno specchio dell’artista nell’universo: “Come in alto cosi in basso per creare il miracolo della cosa una”.
Un lavoro caratterizzato da testi che vanno in direzione di un anacronismo forzato, lontano dai luoghi comuni del rap, suggellato da un flow multilingue in inglese e italiano con impreziosimenti dal latino, arabo e francese. L’uscita di Phonetik Kabalah è prevista l’1 di Febbraio per Jtag Productions, tra i featuring Vaitea, Dope Orion, Ljs e B.O.B.O Cracksy mentre le produzioni sono affidate a Gab Gato, Aquadrop, Dequantiside, Romek Delani (GER), Wza, Brad Beat, Djako. Mixaggio e Master sono state invece affidate alle sapienti mani di Bassi Maestro per il Press Rewind Studios.

Previous Story

Karkadan – Giuro Wallah

Next Story

La prima puntata della rassegna De Roma Li Mejo Fiori racconta il rap