Mezzosangue: è fuori “Musica Cicatrene”, una bella sorpresa per l’hip hop

tempo di lettura: 4 minuti

La prima volta che ho visto Mezzosangue on stage, mi colpì subito. Mi interrogai sul perché indossasse un passamontagna, io che a priori sono sempre stata contraria alla copertura del volto, in qualsiasi circostanza, da qualsiasi fazione, per qualsiasi scopo. Eppure, mi sono dovuta ricredere. Un ragazzo del ’91, attraverso il suo gesto, mi ha dato una bella lezione. Una volta ascoltati i suoi testi, capì che si trattava di un MC con la M maiuscola. Uno di quelli che non mirano a quel famoso “giro di giostra”, per intenderci, ma che lo fanno prima di tutto per un’esigenza viscerale. Inoltre tra le rime, accenna pure al perché del volto coperto. “Il passamontagna – mi spiegherà lui stesso successivamente – è per non essere una faccia fra le tante, per omaggiare e dare più risalto alle parole e per non essere riconducibile ad un “personaggio”, anche se forse è stato il contrario”. Nell’Era in cui l’involucro conta più del contenuto, in cui la cultura è stata violentata dal lucro, Mezzosangue ha saputo rispondere a modo suo; ponendosi di traverso rispetto ad un “secondo medioevo”: con i contenuti, azzerando l’attenzione sull’involucro.

Nei testi dimostra un’ottima capacità narrativa e una buona tecnica. L’MC si tiene lontano dalle gangsta-story, soldi e puttane, scegliendo di raccontare il proprio contesto di vita, con i problemi sociali e personali che esso implica quotidianamente, ogni ora, ogni minuto. Una consapevole visione della realtà guida la penna di Mezzosangue in tutte le barre, intrise di ansie, paure, amarezze e di tutto ciò che è racchiuso in spaccati di vita vera. Il tutto con la forza di chi è cosciente di ciò che dice, quella sicurezza che è difficile descrivere, ma che si percepisce già dall’intro del tape. “Capitan Presente” è il contributo con il quale Mezzosangue aveva partecipato al Captain Futuro, il contest online organizzato da Esa, al quale parteciparono straordinariamente centinaia di MC da tutta Italia. Mezzosangue è sbocciato nella prateria della scena romana. “Never Mind” e poi “Secondo  Medioevo” sono le tracce che accompagnano i due videoclip usciti di recente, riportati di seguito.  “Musica Cicatrene” è stato registrato, missato e masterizzato  da Squarta al Rugbeats Studio ed è disponibile in freedownload e in copia fisica in limited edition sul sito dalla blue-nox academy.

Per concludere, una breve riflessione. Si potrebbero paragonare i giovani (ma anche i meno giovani) MC ad un gruppo di architetti. Potremmo seguire il ragionamento secondo cui c’è chi progetta costruzioni solide e moderne, innovative, che fanno progredire l’approccio architettonico del quartiere, abbellendolo ed arricchendolo di novità, e chi progetta case che a primo sguardo possono sembrare rudi e meno appariscenti, ma sono di pietra e non si smuovono neanche con forti scosse sismiche. Per il progresso dell’Architettura c’è naturalmente bisogno di entrambi gli approcci, allo stesso modo. In quanto alle capanne di paglia, ahimè, ci son sempre state e sempre ci saranno. La prima folata di vento, le porterà con sé.

 

http://www.youtube.com/watch?v=uzXsRvvqk0M

 

http://www.youtube.com/watch?v=dfFKU2J9Xfw

Previous Story

Steno, “Storie di una storia” in freedownload

Next Story

“Giusto qualche ora”, il nuovo singolo di Jesto