Esce oggi “Music from il volo”: Francesco Giampaoli e Moder tra folk, blues e rap

Esce oggi per Brutture Moderne e con distribuzione Audioglobe, in cd e digitale, Music from Il volo, La ballata dei picchettini, il disco che contiene le musiche e i versi rap composti, rispettivamente, da Francesco Giampaoli (colonna portante di Sacri Cuori e Classica Orchestra Afrobeat) e da Lanfranco “Moder” Vicari per lo spettacolo Il volo – La ballata dei picchettini, scritto da Luigi Dadina, Laura Gambi e Tahar Lamri e prodotto dal Teatro delle Albe nel 2015.
Le sonorità partono dal folk, dal blues e dal ritualismo delle musiche popolari legate alla terra e alle radici dei musicisti. Si passa dalla solarità degli echi africani di “Pensieri utili” alla solennità del canto funebre di “Calma piatta”. In “Darsena blues”, prima Luigi Dadina e poi Tahar Lamri, reinterpretano l’antica forma del talking blues, con cui Woody Guthrie diffondeva le sue canzoni di protesta negli Stati Uniti nella prima metà del ‘900. “Rosso petrolio” è un tema che attraversa l’intero spettacolo, un inno che chiede silenzio allo spettatore, invita a non disperdere le memorie. “Grattano” è una sorta di ballata jazz futuristica, un canto rap che si appoggia a una linea di walking bass, con macchie colorate di percussioni e pennellate di un basso completamente astratto, un genere che deve ancora venire. “Treni” e “Il volo” sono due canti di lavoro calati nella modernità.
Prodotto, registrato e mixato da Francesco Giampaoli, Music from Il volo, La ballata dei picchettini è composto da nove tracce e vede Lanfranco “Moder” Vicari (1983) alla voce, Francesco Giampaoli (1970) a basso e percussioni, Diego Pasini (1985) al basso e Luigi Dadina (1958) e Tahar Lamri (1958) alla voce. E questi cinque artisti, appartenenti a tre generazioni diverse, fondendo i rispettivi linguaggi, sono gli stessi ad andare in scena in questo spettacolo che racconta una storia reale di morti sul lavoro.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.