Il nuovo album di Metal Carter, Cult Leader

Cult Leader è il nuovo album di Metal Carter, in uscita il 27 aprile in digitale e in copia fisica per Glory Hole Records. L’album è già disponibile in pre-order su www.gloryholerecords.it.
Diciannove tracce in cui la sua poetica che mischia realtà e finzione sperimenta nuove sonorità e nuovi incroci lirici, un disco lungo e vario che rispetta i canoni del rap più classico cercando però di approcciare con una sensibilità diversa le tematiche forti e d’impatto, tra sfoghi senza filtro e momenti a tratti più introspettivi. I testi rimangono intensi, feroci, brutali, a volte velati di malinconica nostalgia, e si muovono su produzioni che alternano l’Hip Hop Golden Age ma con suoni moderni e attuali a strumentali crossover e sonorità più sperimentali.  L’album è stato prodotto e registrato dal giovane Eddy Depha al 3TONE Studio di Roma (tranne lo skit “Don’t fuck with the leader” prodotto da Dj Craim). Per la prima volta Metal Carter, oltre a collaborare con i suoi soci di sempre Noyz Narcos e Gemello, ha voluto mettersi in gioco confrontandosi con moltissimi altri rapper, alcuni anche lontani dal suo background, ben quindici featuring per uno scambio di flussi assolutamente inedito: accanto rapper più underground ma già affermati come Egreen, Nex Cassel, Er Costa, Aban, Denay, Fetz Darko spuntano la rapstar Fabri Fibra, leggende come Tormento, Danno, Ice One, nuovi fenomeni della scena come Madman e il campione internazionale di turntablism Dj Spada. Ad arricchire le collaborazioni anche la voce di Caputo, rapper e cantante della crew Quarto Blocco, che con i suoi ritornelli nelle tracce “Virus” e “Voci che gridano” riesce per la prima volta in assoluto a dare un’insolita veste melodica alle canzoni, segno che mai come questa volta il “Sergente di Metallo” ha voluto sperimentare, rinnovandosi e cercando nuove soluzioni che non deluderanno i suoi fan storici.
“Non può cambiare il mondo una canzone” è il primo video estratto, un singolo dalle sonorità crossover tra rap, metal e hardcore punk, caratterizzato dalla chitarra suonata da Pinuccio Ordnal, membro di molte note band della scena romana.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.