Erano il rap, la “fame d’aria” e Skuba Libre

Dopo l’EP Filo Intermentale, esce il primo album ufficiale di Skuba Libre(Skuba – acronimo di Spontanietà Kreativa Unicamente Basata sull’Arte), Fame d’Aria. Il rapper, classe ’85, è uno devoto all’hip hop, che omaggia costantemente nei pezzi. Primo tra tutti Dice una Leggenda, il cui testo riprende la strofa con cui Skuba ha partecipato al Captain Futuro rap contest 2012.

L’album, prodotto da  Blazing Loop Team,  conta 11 tracce in cui  il rapper racconta di sé, della sua visione delle cose e di aneddoti fantasiosi che, come le favole di Esopo, hanno sempre un finale sul quale riflettere. Skuba, oltre che provenire da oltre un decennio di attività nel rap, ha alle spalle esperienze nel settore editoriale, essendo stato nei team fondatori dei portali IlRap.com e LaCasaDelRap.com, che gli hanno permesso di “avere una visione più completa del movimento e di indagare i punti di vista tanto dell’ascoltatore quanto del produttore”.
In Colpa è il primo singolo estratto da Fame D’Aria. Il beat è prodotto dallo stesso Skubra e il videoclip è stato diretto da  Christian Antonilli.

Ha collaborato come attore alla realizzazione di uno spettacolo teatrale, Dignità Autonome di Prostituzione, del regista Luciano Melchionna; dichiarando in merito: “Credo che Rap e teatro, ora come ora, non possano collaborare, per il semplice fatto che il Rap invece di andare verso il teatro ha scelto di entrare nei talent show, dove è tutto meno autentico e più costruito. Nel teatro, appunto, ci vuole dignità”.
Da ascoltare la track Due Famiglie, una – insieme al brano precedentemente citato – delle più rappresentative dell’attitudine del rapper di Latina. “Ognuno ha due famiglie, una se la ritrova e l’altra se la crea. E la prima è quella che gli insegna a nuotare, la seconda è quella con cui affronta la marea”.  Fame d’Aria è disponibile su iTunes.