“Be there or Be square” / “Esserci o non esistere” l’evento dell’anno il 6 dicembre a Milano

620624_10151660569566875_783749751_oVenerdì 6 dicembre grandissimo evento, da non perdere per tutti gli appassionati. Italia HipHop Foundation, Double*Drop e Leoncavallo sono orgogliosi di presentare “Be there or Be square”. “Esserci o non esistere”, con la speciale partecipazione del padre dell’HipHop, vera leggenda vivente, Dj Kool Herc. Si aprirà alle ore 17.00 con una conferenza/dibattito sulla cultura hip hop e sui suoi primi 40 anni di vita: interverranno oltre all’artista del Bronx, relatori per ognuna delle discipline che saranno lieti di rispondere alle vostre domande. Qui di seguito il programma:
BBoyng: Next One ,Kid Head, Twice, Swift.
Aerosol Art/Writing: Dado, Tawa Dee, Kay One, Sir Two, Pongo, Bred, Styng253.
Mcing: Gruff,Galante,Casti,Lugi.
Djing: Skizo, Gruff, Mandrayq.
Arte del campionamento: Skizo, Enzo, Next One.

Dalle 22.00 in poi il concerto dedicato al 40° Anniversario, con maestri di cerimonia Dj Skizo e Yared Delirious Pit Dog. Nel posto la storia dell’ HIP HOP in Italia: fra i tanti partecipanti DJ Gruff, Next One, Dj Ice One, Soul Boy, Dj Enzo, Sean, Galante, Esa, Lugi, Lou X, Deemo, Inoki, Maury B, Dj Trix, Dj Jad, Twice e Natural Force, Wired Monkeys, Passo Sul Tempo, Swift-Stritti e Groovin’ Brothers.

Ingresso a sottoscrizione 10 euro
Leoncavallo Spazio Pubblico Autogestito
via Watteau, 7 – Milano
www.leoncavallo.org

– Arrivi al Leoncavallo con la metro 3 fermata Sondrio, con il bus 81 e 43, con la bici sulla pista ciclabile e se fai tardi può usare la linea N42 che ti collega con la principali fermate della metropolitana che va tutta la notte. Per qualsiasi altro spostamento, vi consigliamo di consultare http://www.atm-mi.it/.
– Dalle 20.00 è possibile cenare presso la Cucina Pop, quindi puoi venire presto ed evitare la coda
– Per tutti i concerti al Leo, non esistono prevendite, non bisogna compilare nessun modulo, mandare mail di prenotazione, ne tanto meno servono tessere!
“Ingresso a sottoscrizione” significa semplicemente che il prezzo, non è un semplice ingresso, ma che con quei soldi finanzi e sottoscrivi appunto tutte le attività del Leo.

::DJ KOOL HERC::
Clive Campbell era il primo dei sei figli di Keith e Nettie Campbell a Kingston, Giamaica. Durante la crescita, ha visto e sentito i sound system delle feste di quartiere chiamati dancehalls, e i discorsi di accompagnamento dei loro dj, conosciuti come “toasting”. Si trasferisce nel Bronx, a New York nel novembre 1967. La creazione della Cross Bronx Expressway di Robert Moses (iniziata nel 1948 e finita nel 1972) ha avuto migliaia di sfollamenti nel Bronx, e ha portato alla “fuga dei bianchi”, per i valori delle proprietà abbassati alla nascita dell’autostrada. Molti proprietari ricorsero all’incendio doloso, al fine di recuperare con polizze assicurative. Una nuova violenta cultura di gang giovanile di strada emerse lì intorno al 1968, e si era diffusa con l’illegalità crescente in numerose parti del Bronx nel 1973. Campbell frequentò la Alfred E. Smith Career and Technical Education High School nel Bronx, dove la sua altezza, ossatura, e il comportamento sul campo da basket spinsero gli altri ragazzi a soprannominarlo “Hercules”. Cominciò a frequentare una crew di graffiti chiamata Ex-Vandali, prendendo il nome Kool Herc. Herc ricorda di aver convinto suo padre a comprargli una copia di “Sex Machine” di James Brown, un disco che non molte persone hanno, e che, per sentirlo, andavano da lui. lui e sua sorella, Cindy, cominciarono a organizzare delle feste back-to-school nella sala ricreativa del loro palazzo, 1520 Sedgwick Avenue. Il primo soundsystem di Herc consisteva in due giradischi, un doppio amplificatore con due canali per chitarra e altoparlanti PA, su cui suonò dischi come il James Brown’s “Give It Up Or Turnit A Loose”, The Jimmy Castor Bunch’s “It’s Just Begun” e Booker T & the MG’s’ “Melting Pot” . Con i locali del Bronx afflitti dalla minaccia delle gang di strada, i dj dei quartieri alti suonavano per un pubblico da vecchia musica disco con aspirazioni diverse, le feste di Herc avevano grande pubblico. A queste feste nella sala ricreativa a Sedgwick Avenue, DJ Kool Herc ha sviluppato lo stile che è stato il modello per la musica hip hop. Herc utilizzava nel disco per focalizzare una sola parte – caratterizzata dalla presenza di percussioni isolate – detta “il break”. Questa parte del brano era quella più apprezzata dai ballerini, quindi Herc cominciò ad isolarla, risuonarla e più tardi prolungandola. Appena un disco raggiungeva la fine del break, Herc rimandava l’altro disco dall’inizio del break estendendo in tal modo una parte relativamente piccola di un disco in un “cinque minuti di loop di furore”. Questa innovazione ha le sue radici in quello che Herc chiama “Merry-Go-Round”(“La giostra”), un insieme di break nella festa. Herc introdusse per la prima volta il Merry-Go-Round nel 1972. Le prime Merry-Go-Round che si conosce era caratterizzata dal disco di James Brown “Give It Up o Turnit A Loose” (con il suo ritornello, “Now clap your hands! Stomp your feet!”) Kool Herc ha contribuito a sviluppare lo stile di rime dell’hip hop accompagnando la musica registrata con frasi gergali dal microfono:. “! Rock on, baby” “B-boys, b-girls, siete pronti? Keep Rock Steady”. Tutti questi contributi fanno di Herc il “padre fondatore dell’hip hop,” un “nascente eroe culturale,” e parte integrante dell’inizio dell’ Hip Hop.