Fatti due domande: MASITO

Fatti2Domande_1Il sipario del 2013 si alza, scoprendo una nuova rubrica di Moodmagazine. “Fatti due domande( e datti due risposte)” nasce con l’intento di esporre idee e pensieri di MCs, DJs, Producers, Writers e Breakers, che magari non emergono da una classica intervista. Fatti due domande é uno spazio che invita alla riflessione, ma anche all’ilarità.  Le tematiche trattate saranno tante quante le idee di chi  verrà  invitato all’autointerrogazione,  quindi infinite.  Un  ringraziamento particolare a Gojo, per aver curato l’Artwork della rubrica.

MASITO from Colle Der Fomento (MC e Writer)

Questa che mi pongo è sicuramente la domanda che molti, a questo punto, vorrebbero farmi/farci a noi del Colle, “Quando esce il nuovo disco di Colle der Fomento?”

Se ne so dette tante su di noi questo periodo, qualcuno pensa che abbiamo smesso solo perché, in un genere – il rap-  fatto in Italia solo da ragazzini, uno che ha 37 anni è praticamente pronto per lo ospizio, o la bara. Qualcuno parla di addio al rap dei Colle, altri del gruppo che si scioglie dopo quasi venti anni di attività…Niente di tutto questo è la verità e ci tengo a dirlo, sono solo chiacchiere da web, forum etc. Il Colle è in studio a registrare il quarto album da settembre 2012 circa, per tirare su un disco di un certo livello ci vuole calma. Per come facciamo noi le cose, sappiamo di essere in ritardo ma questo non deve pregiudicare la qualità delle canzoni che stiamo registrando. Quando avremo finito uscirà il disco, siamo i primi ad essere impazienti, ma bisogna fare sempre di meglio e per raggiungere un nuovo step bisogna maturare esperienze per non ripetersi e “battere il proprio tempo”.

Questa è la domanda che avrei voluto che qualcuno mi avesse fatto nelle numerose interviste in questi anni, ma nessuno ci ha mai pensato: “Che cosa odi?”(partendo dallo spunto del nostro primo album ODIO PIENO 1995)
Per tante cose la penso ancora come nel 1995 quando è uscito Odio Pieno. masitoAvevo vent’anni nel 1995 ed essendo ‘pischello’ potevo pure pensare solo a divertirmi e cazzeggiare, ma già al tempo un senso di odio era in me, un’intransigenza che mi porto addosso ancora oggi. Odio le divise e lo Stato, odio come diceva il grande Lou X “per i ricchi e per le macchine dei poliziotti”, il potere dell’arroganza dello Stato che schiaccia i deboli e uccide un ragazzo se non è figlio di qualcuno che conta e si ritrova all’obitorio come Stefano Cucchi e tanti altri. Odio la polizia, che per i graffiti ha messo le mani addosso a me e ai miei amici approfittando che eravamo ragazzini, la polizia che massacra di botte i miei amici africani, la ferocia dell’ignoranza. Odio i fascisti, che da ragazzino a Trieste Salario facevano le ronde di notte per beccare noi writers e ci pestavano in cinque contro uno, i fascisti che hanno bussato quella mattina a casa di Carla, quando cercavano Valerio. Odio ‘sto Paese “de furbi e de signori”, che poi spesso sono la stessa cosa…miserabili. Devo essere sintetico, ma ne ho parecchie sull’argomento…ne parlerò meglio nel prossimo Destroy & Rebuild sul nostro sito ufficiale www.collederfomento.net .